logo Poesie Italiane
Google

Ricerca personalizzata

 
 

 

Sezione "Poesieitaliane.it"

ID Testo:

ID Autore:

Full Text:

Sezione "Un occhio al passato"

ID Testo:

ID Autore:

Full Text:

 
 

I mini racconti degli autori di poesie italiane .it

Ragnese - Alessandro Togni

Alessandro Togni

(ID Autore: 67)

 

Ragnese

(ID Testo: 836)

 

Dedicato ad Agnese

 

Autore: Alessandro Togni

 

Scritto nel 2008
Inserito il 04/02/2008

Pagina vista 493 volte negli ultimi 2.371 giorni, con una media di 6 volte al mese.

 

Ragni di minime luci arrampicati sulle facciate affrante dei palazzi a far da cornice alla solitudine stanca della strada, che non sembra interessata all'aria di festa natalizia, così come il silenzio non si cura della musica.
Pochissime erano le stelle risparmiate dalla voracità delle penzolanti luci cittadine, annoiate, quando tutti le credono felici. Così monocromatico il cielo sembrava più del solito una semplice toile de fond.
Sapevo benissimo - era scritto ovunque - che sarebbe stato inutile sperare di trovare qualcosa di diverso dagli altri giorni in quella strada che ormai conoscevo bene, ma seguire il buon senso non mi sembrò stimolante e decisi di cercare.
Le aureole rosse delle insegne fuocolorate, l'asfalto che sparisce per un po' sotto le scarpe, la striscia bianca impassibile a trasportarmi gli occhi. Guarda dove vai, dimmi con chi... e ti dirò chi. Chi va con... va sano e lontano. L'ontano, ma sono platani. Chissà se le lampadine sanno che cos'è la luce? Niente di nuovo stasera, sul fronte. quel soldato grigio in copertina. La professoressa con gli occhi dipinti di blu cattedrarrabbiata, signora potrebbe, ma non.
Era la sera adatta per un addio indimenticabile. "Non farla passare invano" mi disse non so chi altro e mi convinse a lasciare un pensiero in una zona d'ombra che si mostrò felice del regalo che le stavo facendo - basta (con) il pensiero -.
Prima di entrare in casa sua lasciai alcune velleità nel portaombrelli, un sorriso mi aprì la porta a quell'ora di notte. "Accòmodati!", dovevo solo farmi strada tra l'imbarazzo e gli oggetti sul pavimento che la penombra faceva del suo meglio per nascondermi.
Non potei far altro che limitarmi ad osservarla sedersi sul letto, sistemare i cuscini ocra abat-jour nell'impossibilità di ignorare le parole che i suoi baci di saluto avevano da dirmi.
Avrei voluto regalarle delle parole nuove, nuove note da accordare alla serenità con la quale mi guardava e mi raccontava della sua giornata: preferii lasciare al calore della stanza il compito di ospitare la luce dell'unica stella che quella sera si salvò dal giallogorio della festa.
Morbidambrata era l'aria e ondeggiante al passaggio dei nostri sguardi, tanto che chiunque altro ne sarebbe stato soffocato; lei giocava con il mio mite scompiglio. Una parola alla volta si riempì di parole la volta, quasi fossero nidi di rondine. Parole annidate, date dagli anni. "Dove siete stati in tutti questi anni?" Chiesi ai suoi denti, che in tutta risposta si nascosero dietro le labbra.
Con Agnese parlare era come guardarsi, dentro e fuori. Poca importanza avevano le parole dette in confronto a quelle taciute, quasi che si parlasse ad alta voce solo per consuetudine, non per necessità.
Distesa sul letto, come una Venere del Cinquecento, c'era la cosa più semplice e più imprevedibile che mi fosse mai capitata: non era mia e non lo sarebbe mai stata, ne avevamo discusso a lungo, ma mi piaceva dimenticarmelo ogniqualvolta ne avevo la possibilità. Agnesemplicemente impossibile.
"Ti va un caffé?". Dovevo avere un'espressione stanca. Mi nascosi per un po' nell'aroma nerotico del caffé, per un po' non l'ebbi più di fronte e pensai che m'avesse abbandonato, il profumo perlato che sentì di lì a breve mi diede torto. I muri della stanza avevano tutta la mia invidia, nati com'erano con il solo compito di sorreggere cose che mai sarebbero riusciti a capire. A me in fondo restava solo da capire perché dalle mie mani non stessero ancora sbocciando garofani screziati.
Era dietro di me e divenne melodia, fu davvero troppo per me. Rimasi lì, ma me ne andai.

 

 
 
 
 

Anche se non sei un utente registrato, puoi comunque dire la tua su questo racconto.
Viceversa fai il Login, potrai interagire più velocemente
e vedere Subito il tuo commento on line.

I dati compariranno accanto al commento così come li inserisci qui.

 

Tuo nome:
(solo il nome oppure il nome e il cognome)

Età:
(la tua età in cifre numeriche)

Provincia di residenza:
(per cortesia non inserire la sigla)

Scrivi il tuo commento:
(non più di 1.000 caratteri)

À

È

Ì

Ò

Ù

CC

  Vocali Maiuscole accentate + Conta Caratteri

 

NB: Solo il commento è obbligatorio

La redazione di poesieitaliane.it si riserva il diritto inderogabile di pubblicare oppure no il commento qui inserito. Non verranno presi in considerazione i commenti non educati o privi del senso della misura.

antispam

Inserisci il codice che vedi qui a sinistra
maiuscolo o minuscolo non importa

Scegli:

 

 

Se questo testo ti è piaciuto, clicca il +1 !

Linka questa pagina al tuo sito / blog / social network

 
 
 
 

Altri testi di Alessandro Togni

 
 
 
 

 

 

poesie italiane - il sito web poetico dedicato agli amici poeti e scrittori professionisti e non

s.o.s.tienici!!! - prima pagina - inserire / gestire testi, ecc. - articoli - contatti - cerca autori - cerca testi
cerca testi (full text) - ricerca avanzata - tutte le poesie - tutti i mini racconti - tutti i testi canzoni - tutte le massime - tutti gli autori
un occhio al passato - mappa - domande frequenti - concorsi letterari - avvisi
collabora - pubblicità - giochi on line gratis

ATTENZIONE

Le leggi che regolano il diritto della proprietà d'autore in Italia e nel Mondo, tutelano tutto il materiale che è pubblicato nel presente sito web.
È quindi assolutamente vietata qualsiasi indebita appropriazione anche solo di porzioni di testo o di immagini o di altri contenuti.

È assolutamente VIETATO utilizzare in qualsiasi forma ed in qualsiasi modo anche solo piccole porzioni di opere qui pubblicate senza l'assenso esplicito dei rispettivi autori.

Tutti i diritti riservati © 2004 - 2014 A.F.S.I. Servizi Informatici Torino copyright.

Utilizza la pagina dei contatti per comunicarci dubbi, suggerimenti, critiche o richiederci ulteriori info di ogni genere.

Se vuoi leggere come vengono trattati i dati dei nostri utenti, allora segui il link: Info su privacy e dati sensibili