Poesie Italiane, poesie, racconti, canzoni e massime, qui puoi inserire le tue poesie oppeure leggere le poesie di tantissimi autori, poesie famose del passato, poesie d'amore
Google

Ricerca personalizzata

 
 

Le poesie del passato

La quiete dopo la tempesta - Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi

(ID Autore: 1)

 

 

 

La quiete dopo la tempesta

(ID Testo: 7)

 

Scritta nel 1829
Inserita il 17/09/2007

Autore: Giacomo Leopardi

Pagina vista 18069 volte negli ultimi 2774 giorni, con una media di 195 volte al mese.

Passata è la tempesta:
odo augelli far festa, e la gallina,
tornata in su la via,
che ripete il suo verso. Ecco il sereno
rompe là da ponente, alla montagna;
sgombrasi la campagna,
e chiaro nella valle il fiume appare.
Ogni cor si rallegra, in ogni lato
risorge il romorio
torna il lavoro usato.
L'artigiano a mirar l'umido cielo,
con l'opra in man, cantando,
fassi in su l'uscio; a prova
vien fuor la femminetta a còr dell'acqua
della novella piova;
e l'erbaiuol rinnova
di sentiero in sentiero
il grido giornaliero.
Ecco il Sol che ritorna, ecco sorride
per li poggi e le ville. Apre i balconi,
apre terrazzi e logge la famiglia:
e, dalla via corrente, odi lontano
tintinnio di sonagli; il carro stride
del passegger che il suo cammin ripiglia.

Si rallegra ogni core.
Sì dolce, sì gradita
quand'è, com'or, la vita?
Quando con tanto amore
l'uomo a' suoi studi intende?
O torna all'opre? o cosa nova imprende?
Quando de' mali suoi men si ricorda?
Piacer figlio d'affanno;
gioia vana, ch'è frutto
del passato timore, onde si scosse
e paventò la morte
chi la vita abborria;
onde in lungo tormento,
fredde, tacite, smorte,
sudàr le genti e palpitàr, vedendo
mossi alle nostre offese
folgori, nembi e vento.

O natura cortese,
son questi i doni tuoi,
questi i diletti sono
che tu porgi ai mortali. Uscir di pena
è diletto fra noi.
Pene tu spargi a larga mano; il duolo
spontaneo sorge: e di piacer, quel tanto
che per mostro e miracolo talvolta
nasce d'affanno, è gran guadagno. Umana
prole cara agli eterni! assai felice
se respirar ti lice
d'alcun dolor: beata
se te d'ogni dolor morte risana.

 

 

 

 
 

Anche se non sei un utente registrato, puoi comunque dire la tua su questa poesia.
Viceversa fai il Login, potrai interagire più velocemente
e vedere Subito il tuo commento on line.

I dati compariranno accanto al commento così come li inserisci qui.

 

Tuo nome:
(solo il nome oppure il nome e il cognome)

Età:
(la tua età in cifre numeriche)

Provincia di residenza:
(per cortesia non inserire la sigla)

Scrivi il tuo commento:
(non più di 1.000 caratteri)

À

È

Ì

Ò

Ù

CC

  Vocali Maiuscole accentate + Conta Caratteri

 

NB: Solo il commento è obbligatorio

La redazione di poesieitaliane.it si riserva il diritto inderogabile di pubblicare oppure no il commento qui inserito. Non verranno presi in considerazione i commenti non educati o privi del senso della misura.

antispam

Inserisci il codice che vedi qui a sinistra
maiuscolo o minuscolo non importa

Scegli:

 

 

condividi su Facebook
Condividi su Facebook

Se questo testo ti è piaciuto, clicca il +1 !

 

Linka questa pagina al tuo sito / blog / social network

 

 
 
 
 

Altri testi di Giacomo Leopardi

 
 
 
 

 

poesie italiane - il sito web poetico dedicato agli amici poeti e scrittori professionisti e non

s.o.s.tienici!!! - prima pagina - inserire / gestire testi, ecc. - articoli - contatti - cerca autori - cerca testi
cerca testi (full text) - ricerca avanzata - tutte le poesie - tutti i mini racconti - tutti i testi canzoni - tutte le massime - tutti gli autori
un occhio al passato - mappa - domande frequenti - concorsi letterari - avvisi
collabora - pubblicità - giochi on line gratis

ATTENZIONE

Le leggi che regolano il diritto della proprietà d'autore in Italia e nel Mondo, tutelano tutto il materiale che è pubblicato nel presente sito web.
È quindi assolutamente vietata qualsiasi indebita appropriazione anche solo di porzioni di testo o di immagini o di altri contenuti.

È assolutamente VIETATO utilizzare in qualsiasi forma ed in qualsiasi modo anche solo piccole porzioni di opere qui pubblicate senza l'assenso esplicito dei rispettivi autori.

Tutti i diritti riservati © 2004 - 2015 A.F.S.I. Servizi Informatici Torino copyright.

Utilizza la pagina dei contatti per comunicarci dubbi, suggerimenti, critiche o richiederci ulteriori info di ogni genere.

Se vuoi leggere come vengono trattati i dati dei nostri utenti, allora segui il link: Info su privacy e dati sensibili